Educare e Orientare tra Oratorio e Scuola

In un momento nel quale l’educazione e l’accompagnamento delle giovani generazioni vivono una sfida senza precedenti, la comunità educante dell’Istituto Sacramentine vuole promuovere uno spazio di riflessione rivolto a tutte le figure educative che interagiscono, si incontrano e si incrociano negli ambiti educativi della Scuola e dell’Oratorio.

Interverranno per un momento di confronto e testimonianza 

don Stefano Guidi – Direttore Fondazione Oratori Milanesi
Marino Catella – psicopedagogista, Fondazione COF Monza

Rappresentanti degli Oratori che collaborano con l’Istituto Sacramentine.

 

Per iscriversi, occorre compilare il modulo disponibile al seguente link.

A tutti gli iscritti verrà inviato il link per il collegamento on line in videoconferenza.

Vi aspettiamo! 🙂

Aria di normalità

IL 7 SETTEMBRE ABBIAMO RIAVVIATO CON INTENSITÀ CRESCENTE LE ATTIVITÀ IN PRESENZA

Una scuola con regole diverse, con percorsi differenziati, orari modificati, frecce colorate, gel, sanificanti e tanti altri accorgimenti che ci hanno riportato alla “nuova” normalità.

Il nostro Istituto ha cominciato a vivere nuovamente di rapporti sociali (sempre distanziati!), attività in aula, nei laboratori, all’aperto… con il regolare suono della campanella.

I nostri alunni e le nostre alunne hanno ripreso a varcare la soglia della scuola ogni giorno in modo regolato e preciso. Questi primi giorni hanno mostrato un grande e paziente contributo da parte di tutti per garantire un regolare svolgimento dell’anno scolastico. Grazie!

Vi informiamo che stiamo aggiornando la sezione dedicata ai “Documenti”, con tutti i documenti integrativi che vengono presentati agli alunni e inviati alle famiglie (https://www.istitutosacramentine.it/segreteria/documenti/) e nel sito ci sarà a breve anche una pagina dedicata agli aggiornamenti normativi: “Sicuri a Scuola!”.
Nella stessa pagina saremo aggiornamenti anche rispetto alle indicazioni dell’ATS Monza e Brianza.

 

 

 

 

Preghiera per la Scuola

PREGHIERA PER LA SCUOLA
Anno scolastico 2020/2021 nei tempi della pandemia

Padre nostro, che sei nei cieli,
benedici tutti noi che siamo tuoi figli in Gesù
benedici tutti i giorni dell’anno scolastico.
Vogliamo vivere nella tua grazia: donaci fede, speranza, carità.
Ogni giorno di questo anno scolastico,
nelle speranze e difficoltà presenti,
sia benedetto, sereno, ricco di bene per potenza di Spirito Santo.
Sia benedetto il lunedì,
con la grazia degli inizi, il desiderio del ritrovarsi, la sconfitta del malumore.
Sia benedetto il martedì,
per la curiosità e la gioia di imparare, per la passione e il gusto di insegnare.
Sia benedetto il mercoledì,
per la fierezza e la nobiltà di affrontare le sfide e la fatica e vincere la pigrizia.
Sia benedetto il giovedì,
per l’amicizia, la buona educazione e la correzione dei bulli e dei prepotenti.
Sia benedetto il venerdì,
per la fiducia contro lo scoraggiamento, per la semplicità nell’aiutare e farsi aiutare.
Sia benedetto il sabato,
per la promessa degli affetti familiari e del riposo.
Sia benedetta la domenica, il tuo giorno, Signore!,
per la serenità, la consolazione della preghiera per vivere la nostra vocazione.
Padre nostro che sei nei cieli,
sia benedetto ogni tempo, occasione per il bene,
ogni incontro, vocazione a servire e ad amare,
ogni ora di lezione, esercizio di intelligenza, volontà, memoria
per percorsi di sapienza.
Benedici tutti noi, benedici le nostre famiglie, benedici la nostra scuola.
AMEN

Si torna a scuola!

RIPRESA DELL’ATTIVITA’ DIDATTICA

SCUOLA PRIMARIA
Settimana 7-11 settembre 2020

Orario di lunedì 7 settembre:
– Le classi: seconda, terza, quarta e quinta dalle ore 8.20 alle ore 12.00.
– La classe prima dalle ore 9.10 alle ore 12.00.
Orario da martedì 8 a venerdì 11 settembre:
– tutte le classi dalle ore 8.20 alle ore 12.00.

Dal 14 settembre si passerà all’orario completo che prevede
Accoglienza pre-scuola: dalle ore 7.40 alle ore 7.50, con ingresso dal seminterrato.
Accoglienza regolare: dalle ore 8.10 alle ore 8.20.
Inizio lezioni: ore 8.20.
Termine lezioni: ore 15.30.
Mensa: primo gruppo (cl. 1^, 2^, 5^) dalle ore 12.00 – 13.00 / secondo gruppo (cl. 3^, 4^) dalle ore 12.50 – 13.50.
Attività di doposcuola: quest’anno sono previsti due blocchi di uscita degli studenti: ore 16.45 e ore 17.45.

SCUOLA SECONDARIA I GRADO
Settimana 7-11 settembre 2020

Orario di lunedì 7 settembre:
– sono convocate solo le classi seconda e terza, dalle ore 8.50 alle ore 11.30.
Orario da martedì 8 a venerdì 11 settembre:
– sono convocate tutte le classi dalle ore 8.50 alle ore 11.30.

Materiale scolastico: il primo giorno gli alunni devono portare cartella, astuccio con materiale vario (incluso un paio di forbici). Per i giorni successivi i docenti daranno indicazioni di volta in volta.

Dal 14 settembre si passerà all’orario completo, che prevede
Accoglienza pre-scuola: dalle ore 7.30 alle ore 7.35, con ingresso dall’atrio principale.
Accoglienza regolare: dalle 7.50 alle 8.00
Inizio lezioni: ore 8.05
Termine lezioni: ore 13.30
Mensa: ore 13.35-14.00
Attività di doposcuola: quest’anno sono previsti due blocchi di uscita degli studenti: ore 16.45 e ore 17.45.

Per i soli studenti della classe I Scuola Secondaria entrante: il mercoledì dalle ore 14.05 alle ore 15.50, è previsto il laboratorio di lingua inglese, con la docente madrelingua, la sig.ra Linda Hamilton. Ricordiamo che il laboratorio è parte integrante dell’offerta didattica della nostra Scuola.

 

 

E..STATE ON LINE!

La scuola si è conclusa, ma desideriamo restare a disposizione delle famiglie e degli alunni con una proposta che prevede interventi di vario genere, di intrattenimento e di supporto nello svolgimento dei compiti.

SCUOLA PRIMARIA

I bambini vengono accompagnati in un percorso di consolidamento degli apprendimenti attraverso la guida delle maestre nell’esecuzione dei loro compiti estivi, con un’impronta più ludica nei contenuti e più attenta alle relazioni con i compagni e le insegnanti. Viene quindi proposto un collegamento quotidiano di un’ora  tenuto dalle insegnanti di classe, per 4 settimane da lunedì 8 giugno a venerdì 3 luglio: 4 ore con l’insegnante prevalente e 1 ora con l’insegnante di inglese ogni settimana.

 

SCUOLA SECONDARIA I GRADO 

La proposta a cura dei docenti, di carattere ludico-didattico, prende il via il 16 giugno e si conclude venerdì 03 luglio 2020. Ogni docente terrà incontri della durata di circa un’ora, indirizzati a una o più classi, a seconda del numero di iscrizioni che recepiremo. Tutti gli incontri si terranno nella fascia oraria dalle 10 alle 12. I collegamenti avverranno tramite Link evidenziati in Classroom e attivi per tutto il periodo indicato.

 

Proponiamo inoltre agli alunni uno spazio dedicato allo studio assistito, curato dalla dott.ssa Cinzia Garbagnati, dal dott. Catella e dai volontari dell’Associazione “Incontra”, utile a un supporto nello svolgimento dei compiti delle vacanze, al rinforzo del metodo di studio, al recupero di alcune lacune, secondo quanto indicato dai docenti.

Gli incontri, della durata di circa un’ora ciascuno, si terranno anch’essi on line, nelle mattine e in alcuni pomeriggi, a partire dal 18 giugno e indicativamente fino a metà luglio.

PROGETTO CONTINUITA’

Sta per concludersi questo anno scolastico, così strano e così faticoso, ma ricco di esperienze e di apprendimenti… a scuola e nella vita.

È tempo di riprendere contatto con i bambini e i ragazzi che, a settembre, varcheranno la soglia del nostro Istituto.

Non potendo attuare in presenza le varie attività abitualmente realizzate nei progetti di raccordo tra Scuola dell’Infanzia-Scuola Primaria e tra Scuola Primaria-Scuola Secondaria di I grado, abbiamo creato un “palinsesto” di incontri virtuali.

Ci auguriamo che questo possa facilitare l’ingresso dei bambini e dei ragazzi nella nuova realtà scolastica.


OBIETTIVI

– riprendere i contatti con gli alunni e le famiglie delle classi entranti nell’a.s. 2020-21;
– far conoscere la scuola ai genitori e agli alunni neoiscritti e ai futuri potenziali iscritti;
– sostituire le attività di raccordo in presenza con attività on line;
– presentare progetti didattici svolti nell’anno scolastico in corso.

 

Modalità di accesso e interazione

Tutte le iniziative si terranno in Classroom, con possibilità di accesso dietro invito che gli alunni hanno ricevuto sulla casella personale dell’alunno/a con estensione @collegifacec.it.

 

PROPOSTE

SCUOLA PRIMARIA

Momenti in diretta on line

Incontri per presentare la scuola (caratteristiche educative, presentazione delle insegnanti, illustrazione dei progetti e del PTOF), secondo il seguente calendario:

  • 25/05 ore 18.30: presentazione generale alla presenza della Coordinatrice, di alcuni docenti, degli specialisti, dei rappresentanti dei genitori;
  • 03/06 e 04/06 ore 18.30: presentazione delle insegnanti e attività ludiche con i bambini, alla presenza della docente di classe, della docente di Educazione Motoria e delle docenti di Inglese e Inglese Madrelingua;
  • 23/06 ore 18.30: possibilità di colloquio dei genitori con le docenti per richiesta di chiarimenti.

 

Off line, dal 25 maggio 2020

Gallery foto e video per:

– conoscere gli esperti che hanno realizzato i progetti presentati nella riunione del 25 maggio;
– visionare i progetti;
– “saggiare” la didattica attiva nella scuola;
– apprezzare alcune “pillole” di didattica a distanza sperimentata nel corso di questo anno scolastico.

 

SCUOLA SECONDARIA I GRADO

Momenti in diretta on line

1.Lezioni on line per gli alunni della classe IV Scuola Primaria

Dal 19 al 22 maggio le docenti di Italiano, Matematica-Scienze e Lingue straniere “entrano” in classe per tenere una lezione nelle rispettive materie.

2. Lezioni curricolari on line aperte alle classi IV e V Scuola Primaria

Dal 25 al 29 maggio i docenti “aprono le porte” delle nostre classi virtuali agli alunni e ai genitori delle classi IV e V Scuola Primaria, che potranno assistere in qualità di spettatori.

3. “Exposizione on line”: incontri per presentare la scuola (caratteristiche educative, presentazione insegnanti, illustrazione progetti, PTOF), secondo il seguente calendario:

  • 22/05 ore 17.30: presentazione generale alla presenza della Coordinatrice, di alcuni docenti, specialisti, rappresentanti dei genitori e degli alunni;
  • 25/05 ore 17.30: presentazione delle discipline di Lingue straniere e Scienze Motorie;
  • 27/05 ore 17.30: presentazione delle discipline di Arte-Tecnologia, Religione, Matematica e Scienze;
  • 01/06 ore 17.30: presentazione delle discipline di Lettere e Musica.

 

Off line, dal 22 maggio 2020

“Exposizione virtuale”, dove sarà possibile vedere:

  • materiali ed esempi di lezioni on line tenute dai docenti nel periodo di didattica a distanza;
  • gallery di foto e video, realizzati dagli alunni e dai docenti, utili a presentare i diversi momenti dell’anno scolastico e la proposta formativa nel suo complesso.

 

Educazione ai corretti stili di vita

La “dieta” in quarantena: organizzare l’alimentazione (e non solo) con il sorriso

Mantenere stili di vita sani non è facile, il movimento di adulti e giovani è, giustamente, ridotto per limitare o evitare le possibilità di contagio e il nostro vivere quotidiano va ripensato!

Certo la sedentarietà potrebbe regalarci qualche chilo in più, ma non focalizziamoci solo su questo aspetto. Il benessere e la vivibilità della giornata devono essere prioritari. Peraltro non è detto che ciò che ci prepariamo debba per forza essere elaborato e ricco di calorie. I primi prodotti a sparire dalle corsie dei supermercati non sono stati, in generale, i piatti pronti e le salse, ma la farina, il lievito, la pasta, i legumi secchi, cioè vere “materie prime”. Questa scelta equivale alla preparazione di ricette sane, tradizionali, conviviali.

 

Una buona routine alimentare?

Programmiamo la nostra “giornata alimentare” a partire da particolari importanti: preparare la tavola, organizzare pranzi o cene con la nostra famiglia oppure…con amici e altri famigliari lontani, utilizzando strumenti come Whatsapp o Skype.

Organizziamo, con la stessa modalità,  una “merenda” pomeridiana che da tanto tempo avremmo voluto fare con i nostri compagni di classe o con i colleghi di lavoro.

Per quanto riguarda la pianificazione di “cosa” mangiare: evitiamo pasti serali molto abbondanti, in quanto l’unica e ridotta attività fisica viene praticata nelle ore diurne (breve camminata, pulizie domestiche, sessione web di pilates o zumba, ballo e tutto ciò che la fantasia ci suggerisce) e sarebbe decisamente superfluo concentrare l’apporto di calorie prima di iniziare il riposo notturno.

Privilegiamo cibi vegetali, senza demonizzare fonti proteiche animali, preparando anche i piatti della tradizione: cereali e legumi di vario tipo (pasta o riso con ceci o piselli, fagioli o altri tipi di legumi), consumiamo grandi quantità di verdure cotte e crude, colorate e di stagione, proviamo a preparare il pane in casa, quello che avremmo voluto provare a fare da molto tempo, ma non c’era mai l’occasione.

Riappropriamoci tutti (adulti e bambini) del tempo per migliorare la qualità della nostra alimentazione.

Stile di vita sano ed equilibrato significa anche esercizio per la mente: la lettura è una prima e utile opzione.

Possiamo utilizzare il web non solo per chattare e tenerci collegati con il mondo, ma anche per visitare virtualmente i grandi musei del mondo, viaggiare attraverso Paesi e continenti, approfondire le nostre competenze gastronomiche, o avvicinarci a sport che avremmo sempre voluto sperimentare, ma non ne abbiamo mai trovato il tempo.

 

Piccoli consigli per i nostri bambini

Riscoprire la qualità del tempo, il piacere della quotidianità e della condivisione ma…senza dimenticare di ritagliarci degli spazi temporali tutti nostri e “loro”. Pensateci un pochino: quando i nostri bimbi sono a scuola, non sentono la necessità di stare accanto a noi e di condividere ogni momento con noi!

Organizziamo una occasione di festa durante la settimana, in cui preparare un pasto più elaborato, un’atmosfera più curata, un momento dedicato tutto a noi. Tutti, adulti e bambini, sfruttiamo la grande occasione del momento e riappropriamoci almeno un poco del nostro tempo, così come la natura si sta incredibilmente riappropriando in poche settimane di scenari più sostenibili e meno sconvolti (dall’opera dell’uomo). Avremmo voluto farlo senza questa minacciosa presenza “biologica”, ma comunque non sprechiamo questa occasione.

Valsecchi Fazia – Biologa Nutrizionista

Educazione ai corretti stili di vita

Alimentazione e sistema immunitario

Siamo quello che mangiamo”, scriveva il filosofo tedesco L. Feuerbach.

Tutte le cellule, i tessuti e gli organi del nostro corpo sono costituiti dagli stessi elementi che introduciamo ogni giorno con la nostra alimentazione.

Se si tenesse conto di questa semplice verità, ampiamente trascurata, probabilmente le nostre scelte alimentari sarebbero molto più attente e ponderate.

Anche l’attività del sistema immunitario è profondamente influenzata dal modo in cui ci nutriamo.

Mangiare troppo o troppo poco, in modo sbilanciato o privilegiando cibi pronti/conservati ricchi di calorie, ma poveri di nutrienti utili, può impedire al nostro sistema immunitario di essere pienamente efficiente e reagire nel migliore dei modi agli attacchi di virus e batteri, esponendoci a un maggior rischio di ammalarci .

Per essere certi di ottenere ogni giorno un adeguato apporto di tutti i nutrienti necessari per il sistema immunitario, è importante scegliere, variando spesso, i cibi giusti nelle giuste quantità (né troppo né troppo poco), tenendo conto anche di alcuni importanti aspetti di preparazione e conservazione finalizzati a preservare il più possibile il valore nutrizionale dei diversi alimenti.

Ma quali sono gli alimenti che “aiutano” il sistema immunitario?

I legumi sono alimenti dall’elevato valore nutritivo, in grado di supportare le difese immunitarie e numerose altre funzioni fondamentali dell’organismo.

I legumi offrono un aiuto specifico al sistema immunitario grazie al loro contenuto in vitamine e sali minerali. 

Inoltre, i legumi forniscono proporzioni variabili di acidi grassi insaturi (più abbondanti nei ceci) e carboidrati a lenta assimilazione (più abbondanti in piselli e fagioli).

Frutta e verdura: le vitamine E, C, A sono alleati delle difese naturali dell’organismo. La frutta e la verdura che le contengono dovrebbero diventare una presenza costante nei pasti e spuntini della giornata.

Frutta e verdura assicurano anche un fondamentale apporto di acqua (l’idratazione è determinante per la salute e il benessere dell’organismo) e di sali minerali. Un copro disidratato è un corpo meno “protetto” e più vulnerabile difronte alle malattie.

Lo zinco, per esempio, si trova nella frutta secca (anacardi, arachidi, pistacchi e mandorle), così come il selenio, di cui sono ricchi  pistacchi e  noci del Brasile.

Il selenio può essere assunto anche con ortaggi arricchiti, come le patate o le carote al selenio. Spinaci e  pomodori, patate e broccoli,  frutta secca ne contengono quantità interessanti.

Patate, frutta secca, insieme alle prugne secche e alle verdure con foglia verde scuro, sono utili per soddisfare anche il fabbisogno di rame.

Altri alimenti che possono sostenere le difese naturali dell’organismo sono le spezie (peperoncino, curcuma, zenzero,…) e le erbe aromatiche (timo, rosmarino, menta..), che ci permettono anche di rendere più appetitosi i nostri piatti (e di ridurre il consumo di sale ed i conseguenti rischi per la nostra salute).

 Dr.ssa Fazia Valsecchi-Biologa Nutrizionista

 

 

Educazione ai corretti stili di vita

Coronavirus e ambienti chiusi: i consigli dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS)


Ricambio dell’aria

Garantire in tutti gli ambienti: casa, uffici, strutture sanitarie, farmacie, parafarmacie, banche, poste, supermercati, mezzi di trasporto.

Aprire regolarmente le finestre scegliendo quelle più distanti dalle strade trafficate. Non aprire le finestre durante le ore di punta del traffico e non lasciarle aperte la notte. Ottimizzare l’apertura in funzione delle attività svolte.


Pulizia degli ambienti

Prima di utilizzare i prodotti per la pulizia leggere attentamente le istruzioni e rispettare i dosaggi d’uso raccomandati sulle confezioni (vedi simboli di pericolo sulle etichette). Pulire i diversi ambienti, materiali e arredi utilizzando acqua e sapone o alcol etilico 75% o ipoclorito di sodio 0,5%: in tutti i casi le pulizie devono essere eseguite con guanti e dispositivi di protezione individuale (DPI). Non miscelare i prodotti di pulizia, in particolare quelli contenenti candeggina o ammoniaca con altri prodotti. Sia durante che dopo l’uso dei prodotti per la pulizia e sanificazione, arieggiare gli ambienti.


Impianti di ventilazione

casa: pulire regolarmente le griglie di ventilazione dell’aria dei condizionatori con un panno inumidito con acqua e sapone, oppure con alcol etilico 75%.

Negli uffici e nei luoghi pubblici: gli impianti di ventilazione meccanica controllata devono essere tenuti accesi e in buono stato di funzionamento. Eliminare totalmente il ricircolo dell’aria. Pulire regolarmente i filtri e acquisire informazioni sul tipo di pacco filtrante installato sull’impianto di condizionamento ed eventualmente sostituirlo con un pacco filtrante più efficiente.


Dr.ssa Fazia Valsecchi-Biologa Nutrizionista

 

 

Educazione ai corretti stili di vita

Coronavirus: cibi e cucina in sicurezza

L’igiene in casa e in cucina è sempre necessaria perché non sono rare le infezioni dovute alla preparazione dei cibi, anche se hanno spesso conseguenze non drammatiche. La fonte di contagio più frequente sono le manipolazioni che avvengono durante tutta la filiera di produzione e dopo l’acquisto: in pratica, i batteri e i virus che si possono trovare sugli alimenti derivano dall’uomo che è venuto in contatto con il cibo.
Le autorità sanitarie mondiali sostengono che i virus, compreso il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2), potrebbero contaminare la cucina e gli alimenti, anche se è sicuramente molto più frequente la contaminazione batterica.

È ancora presto per affermare con certezza quanto possa diffondersi il nuovo virus in casa e in cucina, ma certo è che ha dimostrato di avere numerose opportunità di contagio ed essere molto più trasmissibile di un normale virus influenzale. Le mani possono toccare varie superfici infette e con quelle stesse mani possiamo trasportare il virus contaminando anche gli alimenti, le superfici della cucina e viceversa. Gli studi eseguiti fino ad ora sono preliminari e riportano risultati differenti tra loro, ma ci dicono anche che la prudenza non è mai troppa. Per evitare il contagio dobbiamo quindi detergere spesso le mani e sanificare le superfici, ma anche preparare il cibo con le dovute attenzioni.

 

Come pulire e disinfettare oggetti e superfici

  • Per piatti, bicchieri e stoviglie il miglior metodo di sanificazione consiste nell’utilizzare la lavastoviglie almeno a 60 °. Se non si ha la lavastoviglie, è possibile lasciarli in ammollo in acqua molto calda e usare il sapone.
  • Le superfici possono essere lavate con una semplice soluzione a base di  acqua e sapone, ma per essere sicuri di eliminare eventuali virus e batteri è bene utilizzare detergenti a base di alcool ipoclorito di sodio (es. Amuchina, Candeggina) o cloruro di benzalconio (es. Lysoform).

Pulizia e cottura degli alimenti

Regole fondamentali da seguire in cucina:

  1. Mantenere buone norme igieniche 
  2. Preparare gli alimenti in sicurezza 
  3. Cuocere bene ogni alimento 
  • Conservazione:
    tenere il frigorifero pulito e gli alimenti a temperature idonee per evitare la proliferazione batterica
  • Preparazione:
    ogni tipo di alimento richiede un’attenzione particolare, come un lavaggio accurato
  • Cottura:
    la cottura degli alimenti deve essere completa. Questo significa che l’alimento deve essere cotto anche all’interno: evitare mezze cotture e cotture al sangue (es. bistecche, tonno scottato)

 

Regole semplici ed efficaci

  1. Mani e superfici
    Prima di tutto lavarsi sempre le mani con acqua calda e sapone. Lavare accuratamente il lavello e ogni superficie che entra in contatto con il cibo. Con le mani lavate prelevare piatti, bicchieri, coltelli, etc. direttamente dalla lavastoviglie. Ogni sera passare una spruzzata di detergente igienizzante sulle superfici della cucina
  2. Carne rossa
    Lavare la carne non serve a rimuovere tutti gli eventuali batteri che si trovano nelle fibre interne: durante il lavaggio, potrebbero in parte fuoriuscire dall’alimento e contaminare il lavandino e le altre stoviglie. Per essere sicuri di aver eliminato i batteri dalla carne occorre cucinarla completamente ad alte temperature, controllando che sia cotta anche all’interno 
  3. Pollo
    Il pollo crudo è spesso viscido e può venir voglia di lavarlo, ma non è una buona idea. Se nella carne ci sono batteri, lavandolo, possono accumularsi nel lavandino o contaminare altri oggetti in cucina, come strofinacci e stoviglie. Si può anche inavvertitamente contaminare altri alimenti. È più sicuro estrarre il pollo dalla carta o confezione e metterlo direttamente in padella o a cuocere: la cottura eliminerà eventuali batteri e virus 
  4. Pesce
    Il pesce ha le stesse caratteristiche batteriche del pollame e della carne rossa: lavandolo, i batteri possono diffondersi in cucina. Occorre invece cuocerlo ad almeno 70°. Ricorda che se lo mangi crudo dopo essere stato abbattuto, non è detto che gli eventuali virus presenti siano stati eliminati dal freddo.  Assicurarsi che l’abbattitore sia tra quelli veloci con temperatura a – 40°
  5. Molluschi
    Bisogna lavare a fondo cozze, vongole, ostriche e molluschi vari, eliminando quelli rotti o non vivi. Per pulirli da sabbia e alghe, è necessario riporli in uno colapasta e tenerli a bagno in un profondo recipiente con acqua e sale per circa 2 ore. L’importante è che non tocchino il fondo perché la sabbia potrebbe rientrare. Potrebbe essere necessario un risciacquo
  6. Uova
    Proprio prima che la gallina deponga l’uovo, intorno al guscio si forma una pellicola sottile e impercettibile. Questa pellicola non permette ai batteri eventualmente presenti nelle feci e all’esterno di entrare nei piccoli pori del guscio. Lavare le uova elimina la pellicola protettiva e gli eventuali batteri potrebbero entrare nell’uovo. Non lavare le uova che i produttori hanno già pulito accuratamente, si possono invece spazzare via eventuali residui visibili. Tenere sempre le uova in frigorifero e cuocerle accuratamente
  7. Verdure
    Le verdure hanno superfici esterne che rendono più difficile la presenza di microorganismi patogeni. Tuttavia, virus e batteri possono essere presenti nella terra. Dopo aver mondato tutte le parti annerite, immergere le verdure intere in acqua fredda per almeno 2 minuti: cavolfiori, broccoli, carciofi, finocchi e cespi di lattuga, insalata, radicchio,… Se non si è sicuri che l’acqua sia pulita, aggiungere un cucchiaio di Amuchina, poi risciacquare sotto l’acqua corrente
  8. Insalata prelavata
    Spesso si crede che rilavare l’insalata in busta sia più sicuro. Controllare bene che sulla confezione ci sia la dicitura “prelavata e pronta da consumare”. In questo caso, l’insalata è lavata con un triplo sistema che rimuove i detriti naturali e non è necessario rilavarla. Lavandola, potremmo essere noi stessi a contaminarla. Occorre metterla subito in tavola e consumarla. Se non c’è la scritta sulla confezione, trattare l’insalata come se non fosse confezionata
  9. Pane e prodotti da forno
    Tagliare o spezzare il pane con strumenti o mani assolutamente pulite, non spezzare il pane con le mani per darlo ad altri. Evitare di prendere cracker, grissini, biscotti… direttamente dalla confezione: mettere l’alimento su un piatto e prelevare solo quello che si ha intenzione di consumare, senza toccare il resto. Se possibile, utilizzare una posata
  10. Funghi
    funghi assorbono acqua e, con essa, probabilmente anche alcuni batteri. I funghi coltivati dovrebbero essere sicuri se il produttore ha osservato le regole del Ministero della Salute, che consiglia comunque di lavare tutti i prodotti che non riportano la dicitura “prelavato” sulla confezione. Pulire invece i funghi acquistati al supermercato con un panno umido e rimuovere ogni traccia di terra, cucinandoli poi rapidamente.
  11. Avocado, meloni, patate, verdura e frutti da sbucciare
    La buccia di questi alimenti non si mangia, quindi spesso si pensa che non sia necessario lavarli. Questa operazione è invece indispensabile poiché, quando si sbuccia l’alimento o lo si taglia a fette, alcuni batteri presenti sulla buccia possono essere trasferiti nella polpa. I meloni, in particolare, crescono nel terreno e hanno una buccia a rete che intrappola batteri, parassiti, microrganismi e fertilizzanti, quindi vanno lavati con accuratezza prima di tagliarli
  12. Bevande in lattina
    Di solito si apre la lattina e si beve direttamente il contenuto senza però tenere conto di chi può averla maneggiata o dove è stata conservata. È meglio versare la bevanda in un bicchiere
  13. Tovaglie e tovaglioli
    In momenti di elevato rischio di contagio è bene utilizzare solo tovaglie, tovaglioli e fazzoletti di carta usa e getta. Nel caso in cui si usino elementi in tessuto, è opportuno lavarli frequentemente in lavatrice a una temperatura superiore a 60° e utilizzare anche un prodotto igienizzante

 

Dr.ssa Fazia Valsecchi-Biologa Nutrizionista