“Gioia, spirito e merenda…” on line

Il tradizionale appuntamento in preparazione alla Santa Pasqua si è “spostato” on line!

All’incontro erano presenti i ragazzi di tutte e tre le classi e alcuni docenti.

Don Simone Sormani ha proposto la visione di un cartone animato della famiglia “Simpson” per farci riflettere sulla differenza tra l’affrontare le situazioni con superficialità o con profondità. In un secondo momento ha collegato questi concetti dando delle indicazioni su come vivere convenientemente e non superficialmente la settimana Santa imminente.

I ragazzi, al termine di questo momento di riflessione, sono stati invitati a proseguire dipingendo le uova.
E’ stata così ripresa una tradizione, che vede nell’uovo il simbolo del sepolcro che racchiude la vita, e quindi in definitiva, un simbolo della Pasqua di Resurrezione.
Gli alunni sono stati tutti bravissimi… ecco una carrellata dei diversi lavori che sono stati condivisi… a distanza!
Classe I

 

Classe II

 

Classe III
“Sempre più aria di primavera…”

Prende avvio il percorso affettività, dal titolo “SEMPRE PIU’ ARIA DI PRIMAVERA…”, indirizzato alle classi della Scuola Secondaria di I grado e realizzato grazie alla collaborazione con la Fondazione COF di Monza.

L’iniziativa si terrà nei mesi di marzo e aprile e vedrà la presenza di alcuni esperti che collaborano stabilmente con il nostro Istituto: il dott. Marino Catella, la dott.ssa Cinzia Garbagnati e il dott. Stefano Scirica, psicologi; la dott.ssa Stephanie Gasparotto, ostetrica.

E’ prevista l’attivazione di uno SPORTELLO DI CONSULTAZIONE presso la scuola.

Alle famiglie sono dedicati due incontri in modalità on line:

  • incontro di presentazione del percorso: giovedì 11 marzo – ore 20.45
  • incontro di restituzione e chiusura del percorso: martedì 20 aprile – ore 20.45

Nel corso del mese di aprile ha preso il via anche il percorso per la classe V Scuola Primaria.

 

“Io ci sto… I care, we care!”

La settimana di “Workshop”, dal titolo “Io ci sto… I care, we care!”, è una settimana speciale, un appuntamento molto atteso dagli alunni e dai docenti. La didattica tradizionale lascerà il posto a una serie di attività diversificate, prettamente laboratoriali, con l’obiettivo di avvicinare gli alunni/e a tematiche che li aiutino a maturare uno sguardo d’insieme sul tema del rispetto.

Nel corso della settimana avremo la possibilità di immergerci in un percorso nel quale, in modo progressivo, approfondiremo, attraverso una varietà di metodologie e di linguaggi, il tema del rispetto, appunto, della fraternità e della cura reciproca: nei rapporti interpersonali, nella comunità, nell’abitare il creato e nell’incontro con altre culture. Ci auguriamo così che sia possibile gettare le basi per un impegno personale da tradurre in pratica in comportamenti quotidiani all’insegna della cura nei confronti dell’altro, a tutti i livelli.

Ci aiuteranno in questo percorso alcuni specialisti, come la dott.ssa Cinzia Garbagnati, psicologa, che terrà insieme al prof. Alessio Oltolini un’attività sul significato del rispetto (e del non rispetto) delle regole, accompagnando gli alunni e le alunne in una rielaborazione. La signora Rosalia Mariani, scrittrice e formatrice, ci guiderà nella riflessione sull’importanza del rispetto nell’amicizia, attraverso una serie di spunti offerti dalla letteratura. Interverranno inoltre Padre Emmanuel Adili, dei Missionari Saveriani, con un approfondimento sul dialogo interculturale e suor Graziella Alborghetti, in una testimonianza sulla figura di Santa Geltrude, in occasione della festa del 18 febbraio.

Il “Workshop” prenderà il via lunedì 15 febbraio, ma il lancio della settimana e molti spunti teorici, utili alla buona riuscita delle attività che verranno proposte, sono già stati trasmessi ai ragazzi dai docenti e dagli esperti durante una serie di lezioni. Tra queste, quelle tenute nelle tre classi dalla dott.ssa Elisa Colla:

≪I GIARDINI SEGRETI≫
Storia ed evoluzione del giardino dal XVI al XIX secolo

Vi siete mai chiesti quale sia la corretta definizione della parola giardino? Quando, nella storia, sia nata l’idea di recintare un terreno e di coltivarlo a proprio piacimento, magari trasformandolo in un delizioso luogo di svago? Come mai i grandi palazzi e le sfarzose regge nobiliari siano sempre dotati di un ampio giardino o di un parco altrettanto ricco e raffinato? Durante alcune lezioni di approfondimento artistico e storico “interattivo”, i ragazzi si sono cimentati in un’analisi dettagliata del significato del concetto di “giardino”, nello studio di alcuni esempi particolari giunti fino a noi (come le leggende sui giardini pensili di Babilonia o gli scavi dei giardini delle domus romane) e soprattutto nel confronto fra le tre principali tipologie di giardino oggi riconosciute: il giardino all’italiana, il giardino alla francese e il giardino all’inglese.

 

 

 

 

 

 

Sprechen Sie Deutsch?

Perché la scelta del Tedesco come seconda lingua curricolare?

 

  1. Per la sua larga diffusione! Molti non sanno che la lingua più parlata in Europa è il tedesco – con 100 milioni di madrelingua in Germania, Austria, Svizzera e Alto Adige.  Con 132 milioni di parlanti distribuiti in 38 Stati, il tedesco è una lingua pluricentrica come l’inglese. Ma i numeri si ingigantiscono notevolmente se si pensa anche ai popoli dell’Europa Orientale che – per le ben note questioni storiche – prediligono comunicare in lingua tedesca e non in Inglese. Non sorprende quindi se il tedesco in Europa è la terza lingua straniera più studiata nelle scuole dopo l’inglese e il francese (fonte Eurostat).
  2. Perché imparare il tedesco è un investimento sul futuro! In Italia il tedesco è la seconda lingua più richiesta nel lavoro dopo l’inglese, sia nel settore industriale sia in quello dei servizi! La Germania è infatti  il primo partner commerciale dell’Italia (322 imprese italiane sono a partecipazione tedesca e 359 imprese italiane hanno una filiale in Germania). I turisti tedeschi rappresentano circa il 60% del flusso di visitatori del nostro Paese.
  3. Per le opportunità lavorative correlate!  Personale italiano qualificato, che sia in grado di parlare il tedesco, è richiesto con urgenza nel mondo del turismo, del commercio e della finanza: conoscere il tedesco, oltre all’Inglese, offre maggiori possibilità d’inserimento nel mercato del lavoro in Italia e in Europa!
  4. Per avere ampio accesso al settore scientifico ed informatico.  Il Tedesco è – dopo l’Inglese – la lingua più usata nel campo delle pubblicazioni scientifiche ed è anche la seconda più utilizzata in Internet. Alcune delle più rinomate istituzioni scientifiche tedesche hanno una sede anche in Italia.
  5. Perché il Tedesco non è solo utile nel futuro, ma aiuta anche a sviluppare immediatamente la logica!
    Grazie all’uso delle parole composte, dei casi e della costruzione della frase, il tedesco aiuta ad arricchire la consapevolezza della propria lingua e di una grammatica logica.
  6. Perché il Tedesco è divertente! Grazie a un metodo adatto a ragazzi della scuola secondaria di 1° grado (ragazzi tra i 10 e i 14 anni) e a strategie innovative, ci si concentra sull’aspetto orale della lingua e l’acquisizione della lingua avviene in modo divertente e automatico.

 

Vi aspettiamo…. wir werden viel Spass haben:-)

 

 

LET’S SPEAK ENGLISH!

INGLESE POTENZIATO ALLA SCUOLA SECONDARIA I GRADO 

Il progetto nasce da una crescente necessità di aprirsi a una realtà internazionale e di comunicare e allargare i propri orizzonti culturali a un mondo sempre più globalizzato.
Le lezioni curricolari sono state portati a 5 ore settimanali:  3 ore di inglese + 2 ore con madrelingua.

Altre proposte completano e arricchiscono la nostra proposta per l’insegnamento della lingua inglese: corsi extra-curricolari di potenziamento e di recupero, preparazione alle certificazioni linguistiche Cambridge. I diplomi “KET” rilasciati dalla “University of Cambridge” infatti vengono riconosciuti da gran parte dei paesi del mondo e riportati nel “Portfolio linguistico” elaborato dal Consiglio d’Europa.

Dettaglio delle attività per le tre classi

Classe I 

  • Using grammar structures they already know to improve their English by getting them to speak and communicate
  • Watching videos and interacting with discussions about the Topic
  • Working on vocabulary by using games
  • Reading and understanding (using worksheets)
  • Helping them build up their confidence in pronunciation

Classe II 

  • Getting them to speak and communicate
  • Reading and understanding (using worksheets)
  • Watching videos and asking questions about them
  • Writing sentences to help them improve the different grammar structures they know
  • Pronunciation of words, to build up their confidence


Classe III

  • Speaking and helping them understand with the grammar structures they know
  • Introducing them to different English accents
  • Watching and talking about various topics to involve them in a discussion
  • Working on Idioms and phrasal verbs to improve their use of every day English (using worksheets)
  • Pronunciation of the words, to build up their confidence.

 

Exposizione virtuale

Per ripercorrere i momenti salienti dell’a.s. 2019-20

Per rendere partecipi le famiglie dei progetti realizzati

Per dare il benvenuto ai futuri alunni

abbiamo ideato la nostra “EXPOSIZIONE VIRTUALE – GALLERY a.s. 2019-20”, una ricchissima Gallery di foto e video, realizzati dai nostri alunni, dai docenti, dagli specialisti che collaborano con noi.

Desideriamo così rendervi partecipi di una sintesi dei diversi momenti dell’anno scolastico, di alcuni progetti particolari, della collaborazione qualificata dei nostri specialisti.

Uscite didattiche speciali

Per conoscere meglio il nostro territorio

Per entrare nel vivo di alcune esperienze didattiche

Per collegare la teoria alla pratica e rendere più efficace il nostro modo di apprendere

La misura del cortile

Villa Tittoni

Uscita a Como

Uscita presso “La miniera” di Desio

Interventi degli esperti

Per ascoltare voci diverse e arricchenti

Per aprire gli occhi sulla realtà del mondo e accrescere il nostro spirito critico

Per accrescere le nostre conoscenze e competenze a 360°

Per cominciare a orientarsi verso il futuro in modo consapevole e attento

“A lezione di geologia”, a cura del Sindaco di Cesano, il dott. M. Longhin

Il progetto “Orientamento”, con l’intervento di Brianza Solidale, presentatoci dal prof. Bidinotto

Il progetto interculturale “Il pregiudizio”, a cura di Padre Emmanuel dei Saveriani di Desio

Rosalia Mariani

Fazia Valsecchi

I nostri corsi extracurricolari

Per approfondire la conoscenza delle scienze attraverso l’osservazione diretta

Per cimentarci in modo divertente in competizioni matematiche

Per approfondire la conoscenza delle lingue straniere, ma anche del latino

Per cominciare a orientarsi verso il futuro in modo consapevole e attento

Per avvicinarci alla lettura e alla scrittura in modo creativo

Laboratorio “A che libro giochiamo?”

Corso di scienze motorie applicato

Corso di latino

Certificazioni Fit e Ket

Corso di Microscopia

Corso in preparazione alla Gara Kangourou della Matematica

Doposcuola e spazio compiti

Per fare i compiti con un supporto attento e qualificato

Per approfondire o recuperare alcuni aspetti dei programmi didattici

Per imparare a sviluppare un metodo di studio personale

Per sviluppare una attenzione a tutto tondo intorno a ogni alunno

Alice Pasquali: l’attività di doposcuola

La prof.ssa Arianna Brambilla: gli spazi “Help”

La dott.ssa Cinzia Garbagnati: la proposta del gruppo per il rinforzo del metodo di studio

Il dott. Marino Catella: la collaborazione della Associazione “Incontra” negli spazi pomeridiani… e non solo